Post più popolari

Visualizzazione post con etichetta Reggio Emilia. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Reggio Emilia. Mostra tutti i post

giovedì 11 maggio 2017

REGGIO EMILIA: con Bach in giro per la città

Antonio in Piazza Prampolini

Evgeni Koriolov è nato a Mosca nell'ottobre del 1949. Ha studiato al conservatorio di Mosca ed è considerato un grande interprete di Bach. Da amanti di Bach non potevamo perderci le Variazioni Goldberg a pochi Km da casa nostra, a Reggio Emilia. Un viaggio in treno verso Bach... 


Palcoscenico dalla platea

Il soffitto del teatro
Dopo l'integrale degli studi di Chopin un altro viaggio di quelli senza respiro, per ascoltare uno degli altri punti di arrivo per un pianista: le Variazioni Goldberg di J. S. Bach.

Il Teatro Municipale Romolo Valli
Abbiamo anche fatto un breve tour nel centro di Reggio Emilia e torneremo senz'altro a visitare con più attenzione questa bellissima città.


Basilica di San Prospero
La facciata risale alla metà del Settecento, opera di G.B. Cattani, e ospita undici statue di Santi protettori e dottori della Chiesa. Al limite del sagrato sono collocati sei caratteristici leoni in marmo rosso di Verona la cui destinazione originale era di sostenere sei colonne per costruire tre pronai davanti alle tre porte della Basilica.

Piazza S. Prospero
I principali monumenti della città sono il Teatro Municipale, di forme neoclassiche, intitolato alla memoria dell'illustre attore reggiano Romolo Valli, le basiliche rinascimentali e barocche di San Prospero ed il santuario della Beata Vergine della Ghiara, il Duomo e molti palazzi di periodo medievale e rinascimentale disseminati per il centro storico.
Il Duomo
Piazza Prampolini è detta anche Piazza Grande, è di forma rettangolare e su di essa si affaccia il Duomo, di origine romanica con facciata a Capanna.

"L'attuale facciata si presenta incompiuta, con un rivestimento cinquecentesco progettato da Prospero Sogari detto Il Clemente al primo livello. La parte inferiore è difatti costituita da lesene incornicianti nicchie con le statue di quattro santi (Grisante, Venerio, Daria e Gioconda) protettori della città. La parte superiore della facciata, di impronta romanica, è probabilmente frutto del cosiddetto restauro Malaguzzi e risale all'anno 1275 circa. Gli affreschi duecenteschi (Cristo Pantocratore e Angeli) che adornavano la facciata fino agli anni '50 sono ora conservati nel rinnovato Museo Diocesano[1]. Sul portale principale sono poste due statue, di ispirazione michelangiolesca, raffiguranti Adamo ed Eva, opera di Prospero Sogari detto Il Clemente. Al di sopra della facciata il tiburio accoglie la grande statua cinquecentesca in bronzo dorato della Madonna con Gesù Bambino ed i committenti, i coniugi Fiordibelli. Anch'essa è opera di Bartolomeo Spani ed è datata 1522." (WIKI)


Palazzo del Capitano del Popolo






Ascolta e guarda il Video delle Goldberg intergrale: https://youtu.be/ICJVhYz-bpA