Post più popolari

Visualizzazione post con etichetta Cremona. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Cremona. Mostra tutti i post

venerdì 1 aprile 2016

CREMONA: un giro in città

Il Duomo
Passiamo a fianco del Teatro Ponchielli, del quale prima o poi varcheremo la soglia...

Il Teatro Ponchielli
Incontriamo subito il moumento ad Antonio Stradivari, il simbolo della città:

Antonio & Antonio
Per arrivare in Piazza del Comune con lo spettacolare Duomo, la Cappella Sistina della Lombardia: l'interno è davvero emozionante per la ricchezza delle decorazioni. Sulla facciata, notare i profili laterali delle S del violino! (vedi foto d'apertura).





In Piazza, bellissimo il Torrazzo, con il suo orologio:


Il Battistero e il Palazzo dei Militi:



E, come sempre, dopo tanta Arte, anche la gola vuole la sua parte! Abbiamo trovato le due migliori pasticcerie di Cremona:

LANFRANCHI, dove abbiamo acquistato un ottimo TORRONE artigianale...


EBBLI, Pasticceria Milanese dall'interno molto particolare, che vale la pena visitare per bontà delle paste e particolarità degli arredi e anche, direi, della musica! Complimenti per la scelta.


E poi, una visita d'obbligo allo storico negozio SPERLARI... non tutti sanno che la Sperlari è di Cremona! Qui abbiamo acquistato la MOSTARDA e altri TORRONI.




mercoledì 30 marzo 2016

CREMONA: Museo del Violino

Ingresso del Museo
http://www.museodelviolino.org/  Biglietti: 10/7 euro. Gratis bambini Under 6. Cremona è la capitale della liuteria da 5 secoli. In questo Museo si incontrano i grandi maestri del settore e si scoprono i loro segreti: Stradivari, Amati, Guarneri del Gesù, Rugeri... Per violinisti è davvero interessantissimo, per chi non conosce il violino è l'occasione per imparare come è fatto, come suona, da quali componenti è composto... e un buon violino sappiate che costa più di un buon pianoforte! Gli studenti di violino lo sanno!

Profilo e mappa del museo

Disponibili, su prenotazione, visite guidate per adulti e ragazzi. Ricco programma di concerti nello splendido Auditorium accanto al Museo.


Orgoglio italiano per quanto riguarda l'organizzazione degli spazi, l'audioguida, il percorso didattico per bambini (9 postazioni interattive con cornette telefoniche vintage e touch screen:


Una sala d'ascolto in cui anche riposarsi ascoltando musica in modo avvolgente e guardando immagini dei musicisti proiettate sul soffitto:


Postazioni interattive anche per adulti dove scoprire i segreti del violino: come è fatto, il nome delle componenti, le fasi della lavorazione...


Il Museo si compone di 9 sale e stazioni didattiche:
1. Origini del violino 2. La bottega del liutaio. 3. La diffusione del violino. 4. La liuteria classica cremonese. 5. Lo scrigno dei tesori. 6. I reperti stradivariani. 7. Tramonto e rinascita della liuteria. 8. I concorsi di liuteria della Triennale. 9. friends of Stradivari.

Altri Post del Blog dedicati alla liuteria:

Il violino del signor Stradivari, libro di lettura.

Dall'abete al violino, documentario amatoriale.


lunedì 28 settembre 2015

CREMONA: PIANO EXPERIENCE 2015

Antonio entra col papà a Piano Experience
Eravamo già stati lo scorso anno a Cremona (Cremona 2014), alla grande esibizione internazionale di Pianoforti, non potevamo mancare anche quest'anno, Sito: http://www.cremonapianoforte.it/. Grazie agli inviti omaggiati da Del Rio (Reggio Emilia, Sito: http://www.casamusicaledelrio.it/), Abbiamo portato Antonio a Cremona in mattinata a provare pianoforti da sogno. "Era da un anno che aspettavo Cremona Piano Experience" ha detto stamattina... 


Il nostro biglietto
Antonio si è buttato sul primo pianoforte libero con il suo ultimo brano studiato a puntino, la Sonata per pianoforte K330 di Mozart (K330 sul blog). Per la verità lo spazio espositivo era decisamente ridotto rispetto alllo scorso anno e ci hanno detto che c'erano molti meno espositori, purtroppo. 

 L'ingresso è sempre emozionante, si sentono pianoforti suonati contemporaneamente... un "piacevole rumore assordante" che ci ha accompagnato per tutto il tempo della nostra visita. 
Antonio allo Steinway
Antonio al Fazioli

Il magnifico Fazioli aperto
Fazioli Gran Coda (Sito: http://www.fazioli.com/) ha vinto la personale classifica di Antonio, seguito dallo Steinway (Sito: http://eu.steinway.com/it/), dal Bechstein (Sito: http://www.bechstein-italia.it/) e da uno spettacolare Steinway d'epoca, intarsiato, che era sicuramente il più bello di tutta l'esposizione, presentatoci dal Signor Matarrozzi, che è anche l'accordatore di tutti i pianoforti del Conservatorio Arrigo Boito di Parma (e dei nostri). 
Antonio al Bechstein
Allo Steinway antico


Particolare dello Steinway antico
Molto interessante un enorme meccanismo di un tasto, ingrandito di non so quante volte, per capire cosa succede quando si preme un tasto di un pianoforte. Anche Antonio lo ha osservato con attenzione. Lo stesso meccanismo ha potuto osservarlo mentre suonava un verticale "aperto". 
Il tasto extra large
Antonio al verticale aperto con ascoltatore...

Particolare del meccanismo
Per lui credo sia comunque una bella esperienza perchè non è facile alla sua età riuscire a trovare l'occasione per suonare pianoforti di così alto livello. E tutti insieme poi...
Il grandioso colpo d'occhio all'entrata

Piano design
Abbiamo visto molti altri giovani e bambini suonare e questo è stato molto bello, è un bel segnale che dimostra che la musica nonostante facciano di tutto per estrometterla dal percorso educativo dei nostri ragazzi, in realtà trova sempre qualche anima che si lascia catturare! Per fortuna! Speriamo che prima o poi qualcuno si renda conto dell'assurdità della riforma dei Conservatori italiani che penalizza fortemente i nostri ragazzi rispetto a quelli stranieri ai quali è consentito, giustamente, ove ci sia il merito, di diplomarsi anche prima di aver compiuto i 18 anni e di aver concluso il percorso di studi scolastico. Qui da noi questo non è più possibile e la strada per i musicisti italiani è tutta in salita, anche perchè gli altri, mentre i nostri aspettano, cominciano a farsi esperienze in giro per il mondo!
 




giovedì 2 ottobre 2014

CREMONA: Piano Experience 2014

L'ingresso della fiera
28 settembre 2014, Cremona Fiera


THE PIANO EXPERIENCE 2014

www.cremonapianoforte.it

"Cremona Pianoforte si rivolge a musicisti professionisti e amatoriali, studenti di musica, distributori nazionali e internazionali, teatri, sale da concerto, scuole…
Il pianoforte è uno strumento universale e trasversale, e Cremona è il punto di riferimento per dealer e buyer, ma anche per tutti gli appassionati di musica: la formula di Cremona Pianoforte riunisce tutta la community" (dal Sito Ufficiale)

Primo "piccolo" ma grande viaggio musicale non virtuale di questo blog: da Parma a Cremona, per andare a visitare la grande fiera internazionale del pianoforte "The Piano Experience"... 


Dal nostro punto di vista si è trattato di un viaggio puramente di piacere e divertimento con l'obiettivo di provare il maggior numero di pianoforti possibile... e l'obiettivo è stato raggiunto, come potete osservare dalla galleria fotografica...


Antonio si è divertito a provare pianoforti verticali, a mezzacoda, coda, grancoda, moderni, antichi, digitali, clavicembalo, spinetta...


...è riuscito a farsi regalare un orsetto peluche dalla ditta Bechstein che terrà sul pianoforte come "portafortuna". 


Il pianoforte avvenieristico collegato con I-Pad
Anche Giacomo ha apprezzato la gita, ha provato i pianoforti più avvenieristici attratto dalla digitalizzazione e computerizzazione dei suoni, dal robot che da solo suonava il pianoforte (attratto e direi fortemente spaventato tanto che ne ha parlato per tutto il viaggio di ritorno...), ha provato un'arpa che c'era nel reparto clavicembali ed era attratto dall'esposizione degli strumenti ad arco e delle chitarre, che occupava un altro padiglione...

Il Maestro Laffranchini

Esposizione strumenti ad arco...
Bello l'incontro con il primo violoncello del Teatro alla Scala (oggi in pensione) Maestro Laffranchini che provava un violoncello dotato di un avvenieristico sistema di accordatura...

Al Clavicembalo

Entrambi sono stati attratti dal Pedal Piano... in particolare Giacomo ha apprezzato suonare... coi piedi! Eccoli nella foto:

Pedal Piano

Robot Pianista
Io sono rimasta affascinata dal tutta l'esposizione e soprattutto sono stata felice di essere stata per un'ora parte di questo mondo così "a parte". Ho notato con piacere che c'erano tantissimi ragazzi giovani che provavano i pianoforti, tutti bravi, alcuni molto bravi e che c'era un buon numero di bambini piccoli al seguito di mamma e papà o fratelli, che hanno così avuto la fortuna di provare tastiere che difficilmente possono trovare a scuola o a casa a meno di non essere figli di pianisti affermati... un coda ha un suo costo! Per non parlare di un gran coda!)... Lo stand più "esclusivo" era quello di Fazioli, la ditta di Sacile, che fornisce gran coda a concertisti di fama internazionale e il più "avvenieristico" era forse lo stand di Del Rio, famoso soprattutto qui in Emilia Romagna. C'erano poi, oltre al già citato Bechstein, in altri stand di altri distributori, pianoforti Yamaha, Kawai, Steinway & Sons,





Consiglio a tutti di avventurarsi in queste situazioni senza timori reverenziali... anche solo per curiosare... i bambini entrano gratis e per gli altri il prezzo del biglietto vale l'esperienza. Non più di una partita di calcio allo stadio... anzi... siciuramente meno!

Al Clavicembalo con 2 tastiere